TEODORA TRIONFA A CANNES CON DUE FILM

Teodora Film è orgogliosa di annunciare che distribuirà in Italia i due film che hanno trionfato al Festival di Cannes: The Square, dello svedese Ruben Östlund (Forza Maggiore), vincitore della Palma d’Oro, e 120 battements par minute, di Robin Campillo, vincitore del Grand Prix nonché del Premio Fipresci e della Queer Palm. Si tratta di un risultato straordinario che premia ancora una volta l’attenzione e la sensibilità da sempre dimostrate da Teodora verso il grande cinema di qualità. Ai due film si aggiunge inoltre l’acquisizione de L’Atelier, il nuovo lavoro di un maestro come Laurent Cantet, presentato con successo nella sezione Un Certain Regard.

“Una pellicola profonda e piena di questioni importanti”, ha affermato il presidente della giuria Pedro Almodóvar a proposito di The Square, “toccate con ricchezza di toni e originalità. Il soggetto, anche molto divertente, ne fa un film che si ha voglia di riguardare più volte, per coglierne i vari livelli interpretativi”. Riguardo invece a 120 battements par minute, ammette commosso: “Ho amato quel film dal primo minuto sino all’ultimo, non mi sarebbe potuto piacere di più. Campillo ha raccontato storie di eroi veri che hanno salvato molte vite”.

dal 15 giugno al cinema

LADY MACBETH


Nell’Inghilterra del 1865 la diciassettenne Katherine è costretta a un matrimonio senza amore con un uomo più grande. Soffocata dalle rigide norme sociali dell’epoca, inizia una relazione clandestina con un giovane stalliere alle dipendenze del marito, ma l’ossessione amorosa la spingerà in una spirale di violenza dalle conseguenze sconvolgenti. Applaudito all’ultimo Torino Film Festival e osannato dalla critica, Lady Macbeth è il sorprendente esordio di William Oldroyd, uno dei maggiori registi del teatro inglese, che ha stregato il pubblico con un film che unisce rigore e sensualità, suspense e riflessione morale.

Pur spostando l’azione nella campagna inglese dell’Ottocento, il film si ispira al romanzo breve di Nikolaj Leskov Lady Macbeth del Distretto di Mcensk, che Šostakovič nel 1934 trasformò in una celebre opera. “Nella letteratura di quel tempo”, afferma Oldroyd, “donne come Katherine di solito soffrono in silenzio, nascondono i loro sentimenti o si tolgono la vita. Ma in questa vicenda abbiamo una giovane protagonista che combatte per la sua indipendenza e decide il proprio destino, anche attraverso la violenza”.

Immaginate Cime tempestose diretto da Hitchcock e avrete un’idea di questo film straordinario
Indiewire

Un’opera di assoluta genialità
The Guardian

Girato e interpretato in modo superbo
Screen International

Potente, misterioso, assolutamente magnifico
Elle

Un dramma a porte chiuse di devastante crudeltà sui rapporti di classe e la violenza del patriarcato
Le Nouvel Observateur

Imperdibile
The Economist

 

GUARDA IL TRAILER

IL PIACERE DEL CINEMA

di Vieri Razzini

Belli veri e finti belli: Il cliente e Manchester by the Sea

La ricchezza problematica e la forza del film di Farhadi si fanno sentire nel tempo. Delude Manchester by the Sea

La La Land: il mondo scopre il musical

La La Land è un film piacevole ma non certo magnifico ed è l’entusiasmo globalizzato quel che impensierisce di più

Se i cineasti fanno finta di impegnarsi noi dovremmo poter fingere di pagare il biglietto

“Si può sempre fare un brutto film da una buona sceneggiatura, ma mai un bel film da una brutta sceneggiatura”

Fantasy e Potere

Torno brevemente su quanto scrivevo la settimana scorsa a proposito di fantasy e realismo e lo schiacciante predominio del primo genere.

Oltre 100 film distribuiti in Italia

sotto un’unica bandiera quella dell’indipendenza

Fondata da Vieri Razzini e Cesare Petrillo, Teodora Film è da oltre 15 anni sinonimo di cinema di qualità. Ha distribuito in Italia i più grandi autori europei e il meglio dei Festival di tutto il mondo, collezionando successi di pubblico e critica come “Amour” di Michale Haneke (Palma d’Oro a Cannes nel 2012 e Oscar al Miglior Film Straniero nel 2013), “Irina Palm” di Sam Garbarski (David di Donatello Miglior Film Europeo nel 2010), “Pride” di Matthew Warchus, “In un mondo migliore” di Susanne Bier (Oscar al Miglior Film Straniero nel 2010), “Angel” di François Ozon, “Lo sconosciuto del lago” di Alain Guiraudie (Gran Premio della Regia Certain Regard nel 2013), “Il giardino di limoni” di Eran Riklis (Premio del Pubblico Festival di Berlino nel 2008) e molti altri ancora.

0
Film distribuiti
0
Schermi raggiunti
0
Locandine appese
0
Spettatori