Ancora al cinema DUE di Filippo Meneghetti, il “thriller dei sentimenti” candidato all’Oscar per la Francia


Dal 6 maggio è al cinema DUE di Filippo Meneghetti, diventato un caso in questi mesi grazie a un’accoglienza entusiastica in tutto il mondo che lo ha portato fino alla candidatura al Golden Globe e a rappresentare la Francia agli Oscar. Il film d’esordio del giovane regista italiano, interpretato da due attrici leggendarie come Barbara Sukowa e Martine Chevallier, è uno dei titoli più attesi per la riapertura delle sale, essendo tuttora completamente inedito in Italia e mai approdato sulle piattaforme.

DUE affronta un tema inconsueto come l’amore tra due donne mature, mescolando dramma, suspense e ironia con un’intelligenza registica che ha permesso al film di fare incetta di premi, compresi un César e un Prix Lumières. Le protagoniste, Nina e Madeleine, si amano infatti in segreto da decenni e tutti, compresi i parenti di Madeleine, pensano che siano solo vicine di casa, vivendo entrambe all’ultimo piano dello stesso palazzo. Quando la routine di ogni giorno viene sconvolta da un evento imprevisto, la famiglia di Madeleine finisce per scoprire la verità e l’amore tra le due è messo a dura prova… “Il film racconta la storia di una sfida e di una passione insieme dolce e caparbia” afferma Meneghetti. “Ma questa sfida è anche un modo di esplorare alcuni temi che mi affascinano: quanto influisce sulle nostre azioni lo sguardo degli altri? Quale conflitto interiore si accende nel confronto con questo tipo di censura? Gli ostacoli che incontrano sul loro cammino spingono spesso Nina e Madeleine a comportamenti estremi, ma non dobbiamo dispiacerci per loro: sono eroine che combattono per il loro amore“.

 

 


VAI ALLA CARTELLA STAMPA

Le sorelle Macaluso corre per i Nastri

 

Il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani ha reso note le candidature ai Nastri d’Argento 2021, che verranno consegnati il 22 giugno al Maxxi di Roma: Emma Dante e Le sorelle Macaluso guidano la corsa con ben sette nomination, in tutte le maggiori categorie, comprese quelle per il miglior film e la miglior regia. Il film, uscito in sala il 10 settembre del 2020 dopo il passaggio in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, è stato un grande successo di critica e pubblico ed è tratto dall’omonima pièce teatrale di Emma Dante, che ha ricevuto il Premio Ubu per il Miglior Spettacolo e la Miglior Regia.

Scritto da Emma Dante, Elena Stancanelli e Giorgio Vasta, il film è una produzione Rosamont e Minimum Fax Media con Rai Cinema e racconta l’infanzia, l’età adulta e la vecchiaia di cinque sorelle nate e cresciute in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina nella periferia di Palermo. Una casa che porta i segni del tempo che passa come chi ci è cresciuto e chi ancora ci abita. La storia di cinque donne, di una famiglia, di chi va via, di chi resta e di chi resiste.

IL PIACERE DEL CINEMA

di Vieri Razzini

The Mule

Classe, humour, tensione: il miglior Eastwood degli ultimi anni

Green Book: il razzismo non invecchia

Il razzismo è un mostro a mille teste, e un film apparentemente lontano dalla nostra realtà come Green Book, che ce ne fa scoprire - e temere - lati nascosti e insospettabili, meriterebbe anche solo per questo la massima attenzione. 

La Favorita, Vice

La Favorita è un film piuttosto godibile e divertente, come sempre quando ci sono dei duelli di dame ben scritti...

Roma

La bellezza incontaminata del film di Cuarón

Oltre 100 film distribuiti in Italia

sotto un’unica bandiera quella dell’indipendenza

Dai capolavori vincitori della Palma d’Oro Amour e The Square ai premi Oscar Il figlio di Saul e In un mondo migliore, dalla trionfale riedizione di To Be Or Not To Be di Lubitsch a titoli di culto come Pride e Irina Palm, la Teodora Film ha portato in Italia dal 2000 a oggi il meglio del cinema internazionale. Tra i tanti autori entrati nel nostro catalogo ci sono Michael Haneke, Wim Wenders, Laurent Cantet, Ruben Östlund, James Ivory, Peter Greenaway, László Nemes, Susanne Bier, Céline Sciamma, François Ozon, Mia Hansen-Løve, Ursula Meier, nonché gli italiani Paolo e Vittorio Taviani e Marco Bellocchio. Oltre cento film nelle sale e altrettanti classici in DVD con la storica collana Il piacere del cinema sono stati distribuiti seguendo un unico filo rosso, la passione per il cinema, e sotto un’unica bandiera: quella dell’indipendenza.

media_logo_nuovo

0
Film distribuiti
0
Schermi raggiunti
0
Locandine appese
0
Spettatori